martedì 27 dicembre 2011

Racconti

sfide: generi letterari, mistero
Autore: Edgar Allan Poe
Anno di pubblicazione: 2001
Editore: Garzanti
Pagine: 500

Iniziato il: 03 dicembre 2011
Terminato il: 27 dicembre 2011
Valutazione:★★★

Trama
Sia che Poe s'avventuri fin sulla soglia del cuore umano e se ne tragga indietro, impietrito dal terrore dei fantasmi che l'assediano, sia che procrei tutta un'umanità nuova e sfigurata, abitatrice d'un mondo che esiste solo negli allucinati scenari che gli compone e scompone la sua immaginazione, è sempre il medesimo strumento a essere suonato, a ricevere dalle sue sensibili mani l'impulso a quelle vibrazioni che serbano tanta struggente eco.(Dall'introduzione di Gabriele Baldini)


Commento
Leggere tutti i racconti è stato un errore: avrei dovuto concentrarmi solo sui più famosi e lasciar perdere gli altri, perché mentre alcuni sono intensi e poetici, altri sono davvero pesanti e mi hanno fatto perdere il gusto di proseguire. In questa raccolta, la maggior parte dei racconti definiti "dell'orrore" sono in realtà gotici, in quanto i personaggi sono molto spesso tormentati o vivono con tormento il loro amore e la loro passione per una donna. "Il crollo di casa Usher", "Il pozzo e il pendolo", "Manoscritto trovato in una bottiglia" e "Il cuore rivelatore" sono tra quelli che più mi sono piaciuti, mentre altri, soprattutto tra quelli che rientravano nella categoria dei fantastici e grotteschi li ho trovati terribilmente noiosi. Per quanto riguarda i racconti del mistero, invece, pur essendo rimasta leggermente delusa da "I delitti della Rue Morgue", mi sono piaciuti molto e mi sono innamorata soprattutto de "Lo scarabeo d'oro". In generale, comunque, sono rimasta un po' delusa da questo autore.

3 commenti:

  1. Peccato...io trovo Poe un genio e ogni suo racconto, uno più uno meno, dei piccoli gioiellini...però forse leggerli tutti d'un fiato in effetti non aiuta ad apprezzarli...

    RispondiElimina
  2. No, infatti! Sicuramente ne terrò conto per le prossime raccolte di racconti che cercherò di gestire meglio. Comunque al di là dei racconti letti uno via l'altro, ho notato una certa tendenza a divagare che secondo me spezza un po' il ritmo: in Gordon Pym era alla massima potenza, infatti mi è capitato di saltare qualche pagina, e anche nei racconti ogni tanto il discorso si staccava da quello che stava accadendo e io perdevo il contatto con la storia. Peccato. Sicuramente sono io che non l'ho capito, spero in futuro di avere l'occasione di rivalutarlo.

    RispondiElimina
  3. Ciao!

    Sono la stessa Kylai di Anobii ^^ Cercavo di capire cosa fosse il reading history di cui parlate tu e Phoebes e ti ho trovata XD Ne approfitto per girarti un meme, è un bilancio sulle letture fatte nel 2011, che si trova sul mio blog.

    Comunque per non fuorviare troppo il tema concordo su Gordon Pym. L'unica parte interessante di quel mini romanzo e il pezzo in cui Arthur delira sotto coperta e poi lo assale il cane stile Cujo.

    RispondiElimina