lunedì 7 settembre 2015

Recommendation Monday, #10


Recommendation Monday è rubrica gestita dal blog Una fragola al giorno: ogni lunedì verrà consigliato un libro sulla base di un tema diverso ogni settimana.

Consiglia un libro di un autore nato a Settembre

Fortunatamente per questa settimana il tema del RM è semplice perché ci sono talmente tanti autori fantastici tra i nati in settembre che ho davvero l'imbarazzo della scelta. Alla fine l'ha spuntata un autore che io ho conosciuto e amato per il romanzo che vado a mostrarvi e del quale non ho ancora letto altro nonostante siano anni che me lo ripropongo. Purtroppo ci ha lasciato a marzo ma ci ha regalato davvero una caterva di libri per non scordarci di lui. Sto parlando di Antonio Tabucchi e il libro che vi consiglio è:

SOSTIENE PEREIRA
di Antonio Tabucchi

Agosto 1938. Un momento tragico della storia d'Europa, sullo sfondo del salazarismo portoghese, del fascismo italiano e della guerra civile spagnola, nel racconto di Pereira, un testimone preciso che rievoca il mese cruciale della sua vita. Chi raccoglie la testimonianza di Pereira, redatta con la logica stringente dei capitoli del romanzo, impeccabilmente aperti e chiusi dalla formula da verbale che ne costituisce il titolo: Sostiene Pereira? Questo non è detto, ma Pereira, un vecchio giornalista responsabile della pagina culturale del "Lisboa" (mediocre giornale del pomeriggio) affascina il lettore per le sue contraddizioni e per il suo modo di "non" essere un eroe.

"Sostiene Pereira" è a mio parere uno dei più bei romanzi italiani (se non IL più bello) scritti negli ultimi venticinque anni: è un romanzo che appassiona, ferisce e affascina, ed è scritto in uno stile asciutto ed estremamente "fisico" (di questo libro mi ricordo perfettamente sapori, odori, sensazioni fisiche - tra cui il caldo di Lisbona che avvolge come una cappa - che sono descritte in modo tale da essere rese percepibili al lettore). Davvero meraviglioso, devo rileggerlo.

10 commenti:

  1. Questo non lo conoscevo, ma se è così bello come dici, allora devo farci un pensiero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'avevo letto al liceo, mi pare come lettura estiva o comunque una lettura "obbligata" e me ne ero innamorata: insieme a "La chimera" di Vassalli e "Jane Eyre" della Bronte è una delle letture scolastiche che più ho amato.

      Elimina
  2. Neppure io lo conoscevo! Lo terrò in considerazione!

    RispondiElimina
  3. Ciao Simo! Ti invito  a partecipare al mio Giveaway! In palio un bel libro fantasy che potrebbe piacerti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo ancora visto il tuo commento: mi sono iscritta pochi minuti fa! :D :D

      Elimina
  4. C'è anche un film, vero?
    Il libro invece non lo conoscevo, sembra interessante! ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, c'è il film! E' del 1995 con Marcello Mastroianni che interpreta Pereira: anche quello è molto, molto bello!

      Elimina
  5. Ricordo che da bambina, al cinema all'aperto del mio paese avevano trasmesso il film, ma mi ero addormentata quasi subito, e questo mi ha tenuto lontano da Tabucchi! :( Ora che sono cresciuta direi che è venuto il momento di leggerlo, tanto più che da qualche anno sono in fissa con il Portogallo!!!)

    Questo lunedì ho saltato il mio Recommendation Monday per ospitare la tappa di un blogtour del romanzo Chelsea & James , se ti va passa a scoprire di che parliamo ( e magari a vincere una copia autografata! ^_^)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh cavolo, è pesantino come film, ci credo che ti sei addormentata!!! ^_^ ^_^ Vengo subito a dare un'occhiata!

      Elimina