mercoledì 18 novembre 2015

Pause, scleri e scelte di vita

Come avrà notato facilmente chiunque sia entrato recentemente, il blog è rimasto fermo e abbandonato dal 21 ottobre, ovvero ormai quasi un mese. Ho pensato quindi che fosse il caso di affrontare la situazione e "ufficializzare" lo stato delle cose.

Il blog è al momento in pausa per cause di forza maggiore: il lavoro non mi lascia un attimo di respiro e questo mi impedisce di aggiornare anche con quel poco che avrei a disposizione. In più ho praticamente smesso di leggere perché.... sto studiando. Ebbene si, all'inizio di ottobre ho avuto un'altra, l'ennesima crisi esistenziale; mi sono guardata attorno, ho guardato me stessa e ho davvero realizzato che a trent'anni, se non mi decido ora, immediatamente a fare qualcosa di concreto per darmi l'opportunità di costruirmi un futuro più sereno e soddisfacente, sarà davvero troppo tardi. Mi sono vista davvero tanto vicina a fare la fine di quel Giovanni Drogo che mi ha così impressionato quando ne ho fatto la conoscenza due anni fa leggendo Il deserto dei tartari di Buzzati che ho deciso di prendere in mano la mia vita e fare quello che da anni mi tormenta: prendere quella laurea che, per vari motivi, non ho mai preso e vedere dove questa scelta mi porterà. 

Così ormai il mio già scarso tempo libero è interamente impegnato sui libri di studio (che comunque non mi fanno sentire la mancanza dei romanzi essendo estremamente interessanti e appassionanti), sui quali mi tuffo ogni sera al rientro dall'ufficio (che ultimamente avviene sempre più tardi) e dai quali riemergo solo quando è proprio ora di andare a letto. 

Attualmente non sono ancora iscritta all'università, anche perché ho preso questa decisione troppo tardi (nonostante la stia coltivando da anni) e ormai le iscrizioni sono chiuse; in realtà non mi cambia molto perché ho comunque la possibilità di studiare per quegli esami che so già mi porteranno via un sacco di tempo e per i quali sarà necessario un totale ripasso di tutti quei concetti di base che ormai, passati più di dieci anni dalla maturità, ho completamente dimenticato.

Il corso di laurea che ho scelto di frequentare è quello che probabilmente meglio si addice al mio carattere, ai miei interessi e al mio modo di affrontare la vita: Filosofia. 
Ammetto che mi spaventa molto l'idea di dover fare tutto da sola, senza poter frequentare le lezioni o confrontarmi con gli altri studenti però credo di avere già trovato la strategia giusta per poter rimediare almeno in parte a queste mancanze e mi sono già buttata nello studio della storia della filosofia antica.

E adesso, sotto con i consigli: c'è tra voi qualcuno che ha scelto questo corso di studi o che ha preso la decisione di ricominciare a studiare "fuori tempo massimo"? Avete dei suggerimenti da darmi o delle esperienze da raccontarmi? Quante testate contro il muro devo prepararmi a tirare visto che vorrei darmi almeno un'infarinatura di greco (che non ho mai studiato al liceo avendo scelto il linguistico) tale da permettermi di comprendere meglio i filosofi antichi, che rappresentano la base di tutto il pensiero occidentale?

Vi terrò aggiornati sui miei progressi; in ogni caso durante le vacanze di Natale ho intenzione di riprogettare un po' le attività del blog visto che di recensioni libresche probabilmente non ce ne saranno più per un bel pezzo in modo da riuscire comunque a mantenere vivo il mio blog che ormai è parte di me e non potrei mai, ma proprio mai, abbandonare.

16 commenti:

  1. ho la tua stessa età e anch'io in questo periodo sto rispolverando i miei sogni...le difficoltà fanno parte del cammino, ma non ci si può arrendere senza averci provato :) in bocca al lupo per questa meravigliosa avventura! ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! Ho proprio bisogno di essere motivata e caricata al massimo perché so che sarà dura: adesso c'è l'entusiasmo dell'inizio, ma non sarà tutto rose e fiori e so che arriveranno momenti di sconforto dove però non devo assolutamente mollare. Voglio farcela, perché sennò sarà un rimpianto che so già mi tormenterà per tutta la vita. ♥♥

      Elimina
  2. Buona fortuna per il tuo percorso. Tienici aggiornati :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sicuramente! Cercherò anche di coinvolgere anche il blog in questa "avventura".... vedremo!!! ^_^

      Elimina
  3. Ciao! :) Prima di tutto ti ammiro molto per la tua scelta e la condivido in pieno.
    Frequento il secondo anno di Lettere Moderne ( ho vent'anni) e per me è obbligatorio dare l'esame di latino. Fortunatamente, venendo da un liceo umanistico, le declinazioni mi escono letteralmente dalle orecchie, ma ho degli amici che si sono immatricolati senza sapere una parola. Posso assicurarti, però, che con costanza, sono riusciti a raggiungere un livello davvero buono ( so che il greco è un po' più difficile, ma credo che tu ce la possa fare xD).
    Per quanto riguarda Filosofia, ho seguito un corso l'anno scorso e non mi ha fatto impazzire, ma per colpa del professore che era abbastanza noioso .. Però io sono di un parere: nel momento in cui ti iscrivi all'uni, devi scegliere un corso di laurea che ti piace sul serio, sennò è una perdita di tempo. Quindi direi che la tua scelta è stata più che azzeccata!
    Infine, ultimo consiglio: se hai facebook, ti consiglio di cercare i gruppi dei vari corsi. Ad esempio, se cerchi " Corso di Ebraico (?) con il prof Taldeitali" ti dovrebbe venire fuori il gruppo di quel corso con tutti gli iscritti. Per me sono fondamentali, non solo per gli appunti, ma anche proprio per il confronto.
    Scusa per il mega commento, ti auguro tutta la fortuna possibile! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra l'altro ho visto che sei di Milano .. per caso hai intenzione di iscriverti in Statale? xD Perchè io vado lì e quindi se hai bisogno di una mano per districarti nella burocrazia o cose varie, ti aiuto più che volentieri :))

      Elimina
    2. Grazie Adele, sei gentilissima! Si, ho intenzione di iscrivermi in Statale e ti ringrazio tanto per i consigli sui gruppi (li ho già cercati e ho fatto richiesta, anche se ancora non sono iscritta) e per la tua offerta di aiuto! Per quanto riguarda il greco in realtà non è obbligatorio, però da quello che ho già cominciato a vedere, il significato di alcuni concetti specialmente nei filosofi antichi è strettamente legato a quello etimologico dei termini che utilizzano, significato che spesso si perde nella traduzione in una lingua moderna, visto che è molto legato alla concezione del mondo che avevano all'epoca e che ovviamente noi non abbiamo più. Per cui conoscere almeno un minimo di greco aiuta sicuramente a cogliere molto meglio i concetti; in più mi fa rabbrividire la sola idea di presentarmi ad un esame e sbagliare la pronuncia di una parola greca... penso che un qualsiasi professore mi divorerebbe viva (e avrebbe ragione! ^_^). Per questo vorrei almeno avere le basi!

      Elimina
  4. Complimenti Simo, il tuo coraggio è da ammirare!! Non è mai troppo tardi, la mamma della mia coinquilina si è laureata in psicologia e ora sta facendo la magistrale e ha 50 anni e quattro figli ( e vive a 150 km dalla sede dell'Università) O.O Ma era un suo sogno e ce l'ha fatta!!

    Auguro anche a te di mantenere sempre quest'entusiasmo, aspettiamo i tuoi aggiornamenti!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! ♥ Anche la zia del mio ragazzo ha fatto una cosa simile: lei si è laureata triennale e magistrale in scienze dell'alimentazione e ha preso anche l'abilitazione per l'insegnamento e ha insegnato un anno nello stesso corso di laurea in cui ha studiato... spero anch'io di riuscire a mantenere l'entusiasmo che sicuramente sarà messo a dura prova negli anni a venire... però se si resiste ce la si fa!

      Elimina
  5. Ciao Cara! Prima di tutto volevo dirti che, forse ti sembrerà un esagerato quanto sto per dire, io non ho alcun dubbio che tu abbia preso la giusta decisione. Io non ho propriamente iniziato tardi gli studi, mi sono iscritta all'università appena uscita dal Liceo, ma nel tempo li ho un po' abbandonati e trascurati, li ho ripresi tardivamente e mi sono laureata dopo i trent'anni. E se ho qualche rimpianto è sì, solo di non averlo fatto prima, ma a decidere di fare qualcosa per se stessi, che serva a dare una svolta totale alla propria vita o solo ad arricchirla di qualcosa in più, non si sbaglia mai. Sono fermamente convinta che non ci siano età per certe cose. Certo, a vent'anni sarebbe stato più facile, ma l'entusiasmo e la passione che ci stai già ampiamente mettendo non danno spazio a nessun dubbio: sarà ugualmente un successo!
    Non ho mai studiato filosofia se non al liceo, e devo ammettere che anche allora non era una delle mie materie preferite, quindi su questo non so darti consigli,però ho studiato greco e posso dirti che per me era mooolto difficile, ma anche parecchio bello, e che anche se magari non diventerai un'esperta, penso potrai essere in grado di apprezzare qualche brano in originale. Non so come avevi intenzione di approcciarti a questa materia, ma io consiglierei di provare a cercare un insegnante, mi sembra un po' troppo complicata, almeno all'inizio, da affrontare da autodidatta, però, ti ripeto, al liceo trovavo molta difficoltà quindi magari sono solo io e non è affatto così difficile! :)
    In ogni caso, comunque: in bocca al lupo, e congratulazioni per la bella e coraggiosa decisione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, grazie per l'incoraggiamento!! Per il momento sto iniziando a studiare e a dicembre andrò a sentire l'appello di storia della filo antica per farmi un'idea delle domande, del tipo di preparazione richiesta, degli argomenti su cui il professore è più puntiglioso, ecc. Mi spaventa molto il fatto di fare tutto da sola, però allo stesso tempo mi piace talmente tanto... torno a casa che non vedo l'ora di mettermi sui libri, cosa che non mi è mai capitata prima, nemmeno quando di tempo per studiare ne avevo in abbondanza (anzi, soprattutto in quel periodo)!!

      Elimina
    2. Se è una cosa che ti piace così tanto, è impossibile che possa andare male! Poi raccontaci tutto, mi raccomando! :)

      Elimina
  6. Ciao Simo!
    Che bello leggerti di nuovo.
    Come sai, ho scoperto da poco il tuo blog, ma ho notato fin da subito che abbiamo gusti simili in fatto di libri, perciò mi dispiaceva vedere in pausa il tuo angolino.
    Anzi devo confessarti che mesi fa, quando abbiamo iniziato ad ideare il nostro gruppo di lettura, io e Muriomu avevamo pensato proprio a te per ospitare una delle eventuali tappe.
    Poi non leggendoti più, abbiamo ipotizzato che non avresti avuto tempo.
    Speriamo di averti tra i nostri la prossima volta!
    Per venire invece all'argomento del tuo post, capisco che iniziare un nuovo percorso di studi è sempre una sfida. È naturale essere un po' preoccupati, ma devo dirti che per me il periodo universitario è stato davvero stimolante.
    Poi una mia amica ha scelto come te di laurearsi in filosofia, e non fa che raccontarmi di quanto abbia amato tutti i suoi corsi, e di come, tornando indietro, rifarebbe quella scelta.
    Come si suol dire, al cuor non si comanda. Quindi se tu senti che questa è la strada che fa per te percorrila senza paura.
    In bocca al lupo per tutto, e facci sapere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! A entrambe! Ti dirò la verità, forse è stato meglio per ora non essere coinvolta nel gdl perché sono ancora abbastanza disorganizzata: sto iniziando solo ora a prendere bene il ritmo dello studio e quindi di conseguenza ad organizzare tutto il resto (incluse letture e blog). Spero davvero la prossima volta di essere "a pieno" regime e sarei davvero molto, molto felice di partecipare!!!

      Elimina
  7. Forza Simo :) È una scelta importante ma sono certa che se l'hai scelta è perché è giusta e necessaria. E poi personalmente credo che conoscere e studiare sia sempre una scelta positiva :D

    RispondiElimina