domenica 8 maggio 2016

BLOG TOUR & GIVEAWAY LAMPO: “Briciole”, di Lorenzo Naia e Roberta Rossetti

Buon giorno miei cari biblionauti e buona domenica! Come sapete la prossima settimana avrà inizio il Salone del Libro e tutti noi lettori siamo in preda all’euforia degli ultimi giorni, persi… Sorgente: BLOG TOUR & GIVEAWAY LAMPO: "Briciole", di Lorenzo Naia e Roberta Rossetti

venerdì 6 maggio 2016

Un mese in un post: Aprile 2016

Un altro mese è finito ed è il momento di tirare come sempre le fila delle mie letture e non solo. Aprile è un bel mese: c’è (quasi) sempre il sole, c’è il mio compleanno, di solito si … Sorgente: Un mese in un post: Aprile 2016

domenica 17 aprile 2016

Trasloco del blog

Buongiorno a tutti! In questa domenica nuvolosa vi informo che, come avevo già anticipato su facebook, LA BIBLIONAUTA SI TRASFERISCE!


La nuova casetta non è ancora perfettamente in ordine ma c'è tutto il necessario e potete subito venire a riempirla con le vostre visite e i vostri commenti!

lunedì 11 aprile 2016

La mente non oscura


di Gianluca Giusti

Formato: Ebook, 252 pagine
Editore: Edizioni Epsil, 2016
Genere: Saggio
Data prima pubblicazione: 2015

Quali sono i meccanismi persuasivi e su quali “debolezze” giocano? Possiamo fidarci di coloro che millantano capacità paranormali? E come funziona davvero l’ipnosi?
A queste e a tante altre questioni vuole rispondere il libro “La mente non oscura” scritto da Gianluca Giusti.

Nel saggio l’autore spiega in modo chiaro e accessibile le più note teorie sul funzionamento del cervello e dell’intelligenza, smonta le ridicole pseudo-teorie molto diffuse tra i coach di corsi motivazionali (che io speravo fossero rimasti solo nelle commedie americane, invece ce ne sono – e molti pure – anche qui in Italia) e svela tutta una serie di trucchetti su cui giocano gli imbonitori e i persuasori di ogni genere, inclusi i pubblicitari.

Il libro spazia anche verso le credenze riguardanti i fenomeni paranormali e cita svariati studi ed esperimenti sulla base dei quali la scienza si professa completamente estranea a questo genere di presunta abilità. Insomma, in questo libro c’è un po’ di tutto e raccontato in modo accessibile e con un tono estremamente confidenziale: lo scopo dell'autore è proprio quello di porsi sullo stesso livello del lettore a cui si rivolge, scegliendo di non adottare lo stile accademico tipico dei saggi. Il libro dunque si pone come un'introduzione alla materia, un volume che permetta di stuzzicare la curiosità del lettore che può poi utilizzare la comoda bibliografia conclusiva per approfondire i singoli concetti; visto il linguaggio colloquiale utilizzato, personalmente lo ritengo interessante principalmente per i ragazzi.

Purtroppo, anche pensando alla prospettiva di un possibile pubblico di giovani, la mia pignoleria mi ha impedito di non notare una serie di imprecisioni sintattiche e di punteggiatura sparse per tutto il libro e verso le quali non mi trovo particolarmente ben disposta: in un saggio, la forma contribuisce in maniera essenziale alla credibilità dell’opera e deve per forza di cose essere ineccepibile al fine di non comprometterne l’autorevolezza. Ho invece apprezzato la lunga serie di citazioni di studi, saggi di approfondimento, esperimenti che a cui l'autore si appoggia in tutti i capitoli per avvalorare le sue tesi, il che lascia intuire l'ampio lavoro di studio e di ricerca compiuto.

Carissimo lettore, ben ritrovato! Magari ci conosciamo per la prima volta oppure hai già letto il mio primo libro OscuraMente, comunque sia, mi fa piacere condividere con te questa seconda parte dell’avventura legata al nostro cervello e alla nostra mente. Perché? Per il semplice fatto che è un avventura straordinaria. Ma chiariamo un punto: il cervello è davvero il luogo simbolo dei misteri e dei poteri, dentro al quale possono avvenire cose meravigliose spesso a vantaggio di pochi eletti in grado di fare cose straordinarie? In realtà di cose straordinarie ne avvengono a decine, ivi compresi molti poteri e molti misteri ancora da scoprire ma nessuno di questi tanto speciale da sconfinare aldilà delle leggi fisiche conosciute. Ancora meno, per essere subito precisi, da meritarsi l’ambito gagliardetto di potere paranormale.
(incipit)

Voto: 5.5/10

♥ Questo libro fa per voi se... siete curiosi di scoprire i segreti della mente posti in maniera leggera e piacevole da leggere.




Periodo di lettura: 07 marzo - 11 aprile 2016
Ambientazione: -

martedì 5 aprile 2016

Il sosia

(Двойник)
di Fedor Dostoevskij

Formato: Ebook, 212 pagine
Editore: Feltrinelli, 2015
Genere: Romanzo, Classici
Data prima pubblicazione: 1846

Il sosia è un romanzo scritto da Dostoevskij nel 1845, un anno dopo la pubblicazione di Povera Gente, esordio acclamato dalla critica del tempo che stroncò invece questa seconda opera verso la quale l’autore nutriva grandi aspettative che si mutarono successivamente in insoddisfazione, tanto che fu addirittura sul punto di riscriverla interamente.

La storia narra la vicenda di Jakòv Petrovic’ Goljadkin, un impiegato, un personaggio assolutamente comune dalla vita identica a quella di tanti altri burocrati della Russia ottocentesca, la cui quotidianità viene completamente sconvolta dall'ingresso in scena del suo sosia, un personaggio che con lui condivide ogni cosa, dall’aspetto fisico al nome, al posto di lavoro, alle amicizie. Presto la presenza di questo sosia, con il quale inizialmente il “nostro eroe” (come viene chiamato più volte da Dostoevskij durante il romanzo) cerca di allearsi per sbarazzarsi di “certi suoi nemici” - che per tutto il romanzo non si capirà se sono tali solo nella mente alterata del protagonista - e ottenere la stima dei suoi superiori, si trasforma in un vero e proprio incubo quando il Goljadkin-junior, come viene denominato nel romanzo per distinguerlo dal vero Goljadkin, inizia a manovrare in modo infido per iniziare una scalata sociale che porterà Goljadkin-senior alla totale rovina.

La lettura de Il sosia è stata, nonostante le sue 250 pagine, estremamente faticosa. Come sempre Dostoevskij si dimostra un maestro nell’arte di dipingere i disturbi ossessivi dei suoi personaggi, rendendo alla perfezione - nei loro discorsi, nella gestualità, nelle espressioni - la confusione delle loro menti. Il ritmo della narrazione è gestito in modo da acuire la sensazione di smarrimento: in modo completamente disordinato si alternano brani di una lentezza esasperante a momenti di azione frenetica e di repentini cambi di umore. La confusione mentale del protagonista si rivela nel continuo mutamento delle sue opinioni e delle sue emozioni: ogni stato d’animo che esprime forza ed energia si muta nel giro di poche righe, a volte addirittura all’interno della stessa frase, nel suo esatto opposto.

Nel procedere attraverso le vicende di Goljadkin noi lettori non abbiamo mai la certezza di cosa stia davvero accadendo: Goljadkin-junior esiste veramente? Lo fa pensare il fatto che tutti i personaggi interagiscono con lui. Oppure è solo un parto della mente di Goljadkin-senior, come possono far credere le risposte evasive del servitore Petruska o gli sguardi di pietà e di derisione che spesso gli lanciano colleghi e superiori? Questo, unito alla scelta di presentare un narratore esterno che ci propone il flusso dei pensieri Goljadkin-senior alternandola al resoconto delle sue azioni e dei suoi movimenti, che spesso si contraddicono tra loro producendo un effetto grottesco, rappresenta un altro elemento che incrementa nel lettore la sensazione di disorientamento.

Insomma, affrontare questo romanzo è stato per me tanto faticoso quanto per il protagonista tentare di liberarsi del suo sosia: una paranoia stressante che ti perseguita continuamente, anche lontano dalla lettura. E cosa si fa quando un libro ti fa provare le stesse emozioni, seppur di ansia e fastidio, e nella stessa intensità di quelle provate dal protagonista? Gli si danno cinque stelle come minimo.

Mancava poco alle otto del mattino allorché il consigliere titolare Jakòv Petrovic Goljadkin si svegliò da un lungo sonno, fece uno sbadiglio, si stiracchiò e aprì finalmente del tutto gli occhi. Per due minuti, però, rimase a giacere immobile nel suo letto come un uomo non completamente sicuro se sia sveglio o se ancora dorma e se tutto ciò che accade intorno a lui sia realtà o non piuttosto la continuazione di un fantastico sognare. Ma ben presto i sensi del signor Goljadkin ripresero ad accogliere, più chiare e più precise, le consuete, abituali impressioni.
(incipit)

Voto: 9.5/10

♥ Questo libro fa per voi se... volete approfondire il tema del doppio in letteratura con un romanzo difficile ma imprescindibile.




Periodo di lettura: 17 marzo - 05 aprile 2016
Ambientazione: San Pietroburgo / Russia

sabato 2 aprile 2016

Un mese in un post: Marzo 2016


Riesumo questa tipologia di post riassuntivo mensile che avevo smesso di aggiornare da un po' e che adesso mi torna invece molto comodo: come saprete se mi seguite anche su facebook ho deciso di cambiare in parte l'impostazione del blog, smettendo di recensire tutti i libri che leggo ma dedicando la mia passione e il mio tempo per scrivere solo di quei libri che, per un motivo o per l'altro, mi spingono a volerli diffondere (o, in alcuni casi, a cassarli senza pietà).

Altra novità del mese di marzo è l'avvio della mia prima collaborazione con una casa editrice: si tratta di VerbaVolant, editore siracusano che ho conosciuto durante la Fiera Bellissima qui a Milano e che mi ha colpito per la cura che pone nelle sue pubblicazioni, sia per bambini che per adulti (vedrete che meraviglia, ma un'occhiata potete già darla attraverso il loro sito). Questa collaborazione si inserisce nel più ampio progetto di dedicare una sezione del blog (e magari, chissà, uno spazio completamente separato) alla letteratura per ragazzi la quale per me non è solo una grande passione ma credo sia uno degli strumenti più importanti a favore del pensiero critico in tutti gli ambiti della vita, non solo nella lettura.

Ora smetto di sproloquiare dei fatti miei e vi lascio un breve resoconto dei libri che ho letto durante questo mese.

- LE LETTURE DEL MESE -

Amleto, di William Shakespeare
Prosegue la #maratonashakespeariana organizzata dall'omonimo gruppo facebook. Non ho scritto un post legato a quest'opera perché non ne so abbastanza per poter mettere insieme una recensione che abbia un senso, anche solo per parlare delle mie impressioni (perché non sono certo una critica di Shakespeare). Se vi interessa potete comunque trovare il mio micro-commento su Goodreads cliccando sul titolo. 

Il mio parere in stelline: ★★★★★

La ragazza di fronte, di Margherita Oggero
Il secondo libro del mese era una delle letture bonus della sfida #LGS con la quale sto smaltendo non letti come se non ci fosse un domani. Non avevo mai letto quest'autrice che ho trovato abile con le parole nonostante la trama di questo specifico romanzo non mi abbia conquistata. Le darò un'altra possibilità.

Il mio parere in stelline: ★★★


Profumo di cioccolato, di Kathryn Littlewood
Profumo di cioccolato è un romanzo per ragazzi che avevo da qualche mese nella mia libreria e che avevo acquistato attratta dalla copertina cioccolatosa. Storia simpatica e magica che mi ha lasciato un po' di insoddisfazione per il modo in cui è trattato il rapporto tra i genitori e i figli. 

Il mio parere in stelline: ★★★


Divertente. Se avete voglia di una lettura senza pensieri, rilassante, scorrevole e davvero simpatica vi consiglio questo romanzo che, se mi fossi fidata della copertina, non avrei letto nemmeno sotto tortura: quei faccioni in primo piano che la Garzanti ama tanto e il titolo lunghissimo per me sono garanzia di libri inutili. Non che sia una perla letteraria ma è piacevole.

Il mio parere in stelline: ★★★


Benedizione, di Kent Haruf
Qui la recensione l'ho fatta eccome! Questo libro mi è stato raccomandato vivamente e meno male che mi sono fidata: ho trovato una scrittura pulita, netta e minimale che riesce a trasferire senza spettacolarizzazioni da romanzo quella che è davvero la vita.

Il mio parere in stelline: ★★★★★





- GLI ACQUISTI DEL MESE - 

Marzo ha portato un terremoto nella mia libreria: ho finalmente preso la decisione di liberarmi dei libri inutili. Libri brutti, libri presi quando avevo interessi diversi, libri comprati a seguito di scatti di compulsività nei mercatini dell'usato, libri che non in generale non leggerò mai o non leggerò più.
Colpita comunque da questo trauma - perché si sa, liberarsi dai libri per noi lettori è sempre un trauma - mi sono fatta stregare da alcune promozioni in ebook e da una visitina in biblioteca.

Il saccheggio del Kobo store mi ha procurato questi libri (apprezzate per favore il fatto che "Notte di luna", "Scroogled" e "Ypsilon Tellers" erano scaricabili gratuitamente):


Con la visitina in biblioteca ho portato a casa invece due graphic novel: la prima è un classico del genere, la seconda un'uscita recente che mi aveva incuriosito dalla prima volta in cui l'ho vista.

220270817919401

Adesso che vi ho aggiornato sulle mie novità per il mese appena trascorso fatemi sapere cosa ne pensate delle mie letture, delle new entries e soprattutto cosa avete letto questo mese di particolarmente entusiasmante o, al contrario, di scandalosamente orrendo.

lunedì 28 marzo 2016

Benedizione [Trilogia della pianura, #3]

(Benediction)
di Kent Haruf

Formato: Ebook, 277 pagine
Editore: NN Editore, 2015
Genere: Romanzo, narrativa varia
Data prima pubblicazione: 2013

Ci sono romanzi con i quali ho bisogno di prendermi del tempo prima di poter buttare giù due righe: ho bisogno di farmeli entrare dentro e mettere insieme le idee. Con Benedizione non ne sento la necessità: appena chiuso il libro (o meglio, spento il Kobo) avevo già chiare in mente le parole che avrei scritto, devo solo renderle abbastanza efficaci da convincervi a leggerlo assolutamente.

Si, perché Benedizione è un libro bellissimo scritto in modo magistrale, una storia di rimpianti che però non scade mai nel patetico. Il romanzo è ambientato a Holt, in Colorado e vede il protagonista, Dad Lewis, affrontare la sconvolgente notizia di avere ancora poche settimane di vita a causa di un cancro ormai in stadio avanzato e incurabile. Accanto a lui ci sono la moglie Mary, che è stata al suo fianco per tutta la vita, la figlia Lorraine che ha a sua volta perso la propria figlia in un incidente stradale e una serie di altri personaggi, abitanti di Holt, che a causa della malattia di Dad si stringono attorno alla famiglia. Ma non solo: ad accompagnare Dad verso la fine ci sono anche i rimpianti e i sensi di colpa di una vita intera fatta di duro lavoro ma anche di durezza e rigidità.

Il romanzo si dipana tra presente e passato, tra la quotidianità e i ricordi ma senza mai dei veri e propri stacchi netti. È un po' come se tutto ciò che avviene nel romanzo stia accadendo il quel determinato momento e ciò è effettivamente quello che succede quando ricordiamo: ci perdiamo nel passato mantenendo sempre un'ancora con il presente. I capitoli sono brevi e il focus non resta sempre e solo su Dad ma si sposta seguendo gli altri cinque o sei personaggi-chiave della storia. 
Lo stile è essenziale e asciutto, ogni parola è misurata, necessaria esattamente così com'è scritta. I dialoghi sono formidabili, sia perché la scelta di omettere le virgolette rende la scrittura un "tutto" fluido che avvinghia il lettore e non lo lascia andare finché non si è giunti all'ultima pagina, sia perché ogni parola pronunciata da ciascun personaggio è parte integrante della personalità del personaggio stesso.

Parliamo poi dell'atmosfera: quella che si respira in Benedizione è una sensazione di costante attesa che pervade l'intero romanzo. L'attesa della morte di Dad incombe su tutti i personaggi come una cappa, come il caldo soffocante che sembra rallentare lo scorrere del tempo e lasciare i personaggi quasi sospesi tra ricordi e dilemmi morali, tra occasioni perse e scelte sbagliate.

Benedizione è un romanzo straordinario nella sua semplicità e nel suo modo asciutto di raccontare, senza infiocchettamenti o inutili sentimentalismi, eventi tutto sommato ordinari, quotidiani (vita, morte, errori, rimpianti... tutti prima o poi ci arriviamo). Eppure si piange, ma mi sono resa conto che le mie lacrime più che di commozione sono state di liberazione, di sfogo per quell'attesa che alla fine si spezza e che libera i personaggi ma anche noi lettori. Perché nonostante tutto, la vita va avanti.

Appena gli esiti degli esami furono pronti, l'infermiere li chiamò nell'ambulatorio, e quando il medico entrò nella stanza diede loro un'occhiata e li invitò a sedersi. Capirono come stavano le cose guardandolo in faccia.
Avanti, disse Dad Lewis, dica pure.
Temo di non avere buone notizie per lei, disse il dottore. 
(incipit)

Voto: 9/10

♥ Questo libro fa per voi se... se... non lo so, sono rimasta dieci minuti buoni a cercare un "se". La questione è che secondo me questo libro merita indipendentemente dai "se".



Periodo di lettura: 23 - 28 marzo 2016
Ambientazione: Colorado/USA

15762186 17978442 19352929

lunedì 21 marzo 2016

Mini-recensione: Terapia di coppia per amanti

27291090
Terapia di coppia per amanti
di Diego De Silva

Formato: Ebook, 288 pagine
Editore: Einaudi, 2015
Genere: Romanzo, narrativa varia
Data prima pubblicazione: 2015
Lettura n.: 13/2016
Preso da: MLOL
Periodo di lettura: 13-20 febbraio 2016
Ambientazione: Italia

Voto: 7.5/10

Se pensate che gli amanti siano partigiani della felicità; gente abbastanza disillusa da aver capito che l'unico modo per resistere all'andazzo mortifero della vita matrimoniale sia farsene un'altra in cui negare ideologicamente le norme vigenti nella prima, e dunque abolire ogni ruolo, ogni dovere ogni ambizione di stabilità in nome di un unico fine superiore(il solo che poi conta veramente), quello di vedersi quando si ha voglia senza aspettarsi dall'altro più di quanto si dà; bene, se è questo che pensate , allora lasciate che vi dica che non avete la minima idea di cosa state parlando (incipit)

"Due amanti che vanno in terapia di coppia". È bastato questo riassunto della trama per farmi decidere che io questo libro dovevo leggerlo. Perché due amanti dovrebbero andare in terapia? E soprattutto che problemi di coppia possono voler risolvere, quando l'amante è esattamente il tentativo di fuga dai problemi di coppia con qualcun altro? Non dovrebbe a sua volta creare problemi, sennò che fuga è? In realtà la trama del romanzo si svolge più o meno nel modo in cui avrei immaginato potesse svilupparsi, dando alle domande precedenti la stessa risposta che anch'io avevo ipotizzato prima di iniziare a leggere (e che non dirò, sennò spoilero). Credo però che la trama non sia il punto focale del romanzo che è invece rappresentato dalle scelte narrative messe in atto dall'autore: i capitoli alternano i punti di vista interni dei personaggi e sono impostati in modo da riportare sia le descrizioni di ciò che in quel momento il protagonista del capitolo sta vivendo, sia i dialoghi che scambia con gli altri personaggi sia, nel mezzo, tutte le riflessioni e i pensieri che gli vengono in mente, il tutto con un ritmo serratissimo. Purtroppo questo ottimo stile narrativo viene un po' svilito dalla trama non molto originale nel suo svolgimento e un po' forzata in alcuni aspetti (specialmente la figura dello psicologo). I personaggi mi sono piaciuti molto, non tanto come carattere o simpatia (Viviana è una fracassa balle di dimensioni colossi) ma per il modo in cui la loro personalità emerge dal romanzo: arriviamo alla fine che li conosciamo meglio noi che loro stessi. Molto divertente invece il personaggio del papà di Modesto: è stato protagonista dei dialoghi più divertenti del romanzo. A fine lettura sono assolutamente certa di voler approfondire meglio questo autore perché credo che con una trama migliore potrebbe davvero conquistarmi.

♥ Questo libro fa per voi se... la trama vi incuriosisce: a mio parere merita perché la storia è originale.

venerdì 18 marzo 2016

Mini-recensione: Maschere e corazze

9646899

Maschere e corazze
di Pippo Carauddo

Formato: Ebook, 238 pagine
Editore: Kimerik, 2015
Genere: Romanzo, narrativa varia
Data prima pubblicazione: 2015
Lettura n.: 12/2016
Preso da: Kobo Store
Periodo di lettura: 25-27 febbraio 2016
Ambientazione: Italia/Sicilia

Voto: 7/10

"Comu vva passati? Oh! Dico a voi! Comu vva passati, ora che siete tanto vicini da potervi guardare negli occhi. Ve la siete data finalmente una calmata. Per una vita intera non avete fatto altro che insultarvi e litigare. Botte da orbi! Pure all'ospedale siete andati a finire, anche più di una volta, e sempre per motivi di interesse. E per cosa poi? Per venti centimetri di limite! Vero che la roba è importante, ma bisogna proprio essere idioti per darvele di santa ragione; e allora gli avvocati che ci stanno a fare? Chissà se vi rendete conto di quanto siete stati sventurati, ora che state così vicini uno di fronte all'altro." (incipit)

Un romanzo davvero piacevole ambientato in un piccolo paese della Sicilia. Le vicende della protagonista, la signorina Concetta Macaluso, si intrecciano con quelle dei diversi abitanti di Paluso tutti accomunati dall'incapacità di accettarsi davvero con i propri pregi e difetti, e tutti impegnati a costruire e rafforzare le maschere che indossano per nascondere a se stessi e agli altri il loro vero essere. Lo stile del romanzo è fluido e fresco, arricchito da espressioni in dialetto siciliano che rendono il testo ancora più caratteristico e che aiutano a creare un'atmosfera tipica da paese di provincia, abitato da persone semplici, con vite tranquille e "normali". I personaggi sono perfettamente delineati, specialmente Concetta. L'unico appunto che potrei fare è che a volte vengono messe in bocca ai personaggi delle spiegazioni di meccanismi psicologici un po' troppo "da manuale" per poter essere considerate davvero spontanee, soprattutto quando chi esprime questi concetti in modo così chiaro e netto sono persone che, pur nella loro saggezza popolare, non hanno di certo mai preso in mano un manuale di psicologia. Per il resto il libro è stato davvero gradevole e mi ha proprio divertito.

♥ Questo libro fa per voi se... siete in vena di una lettura allegra e piacevole, dando una chance ad un nuovo autore.

Libri in arrivo: "Crescere, che palle!" di Sarah Andersen

Sei una persona unica e speciale? Ti affidi ai social, per diventare famosa? Pensi che diventare grande sia una sfida entusiasmante, e ti senti prontissima ad affrontarla? Per carità! Stammi lontana!


Non so se conoscete Sarah's Scribbles. E' una striscia a fumetti creata da Sarah Andersen, artista statunitense, che ha avuto un enorme successo online soprattutto grazie a facebook. In Italia è arrivata grazie alla meravigliosa traduzione di Sarah's Scribbles Italia pagina dove potete trovare tutte le strisce completamente in italiano ma che mantengono perfettamente lo spirito dell'originale.

La protagonista del fumetto è una ragazzina nerd, pigra e solitaria che esprime il segreto desiderio di noi tutti, adulti inclusi: fregarsene di tutto e di tutti e passare la giornata in pigiama a poltrire sul divano.

In realtà il volume è già uscito ma purtroppo lo scopro solo adesso e volevo comunque farvelo sapere perché queste strisce e la loro protagonista sono troppo divertenti per farsele scappare.

Questo libro è per quelli come noi: ci mostra come si buttano interi meravigliosi weekend su internet, quanto sia grande il tormento che si prova quando si tiene per mano un bel ragazzo per strada, come si possa desiderare per tutto il giorno di tornarsene a casa anche solo per infilare il pigiama, ci interroga su quale sia il momento preciso della vita in cui finalmente si diventa grandi. In altre parole, ci fa conoscere tutte le più assurde bestialità della vita dei giovani d'oggi.


CRESCERE, CHE PALLE! di Sarah Andersen
Becco Giallo, pp.128
€ 13.00 (cartaceo)

in libreria dal 29/02/2016