venerdì 18 marzo 2016

Libri in arrivo: "Crescere, che palle!" di Sarah Andersen

Sei una persona unica e speciale? Ti affidi ai social, per diventare famosa? Pensi che diventare grande sia una sfida entusiasmante, e ti senti prontissima ad affrontarla? Per carità! Stammi lontana!


Non so se conoscete Sarah's Scribbles. E' una striscia a fumetti creata da Sarah Andersen, artista statunitense, che ha avuto un enorme successo online soprattutto grazie a facebook. In Italia è arrivata grazie alla meravigliosa traduzione di Sarah's Scribbles Italia pagina dove potete trovare tutte le strisce completamente in italiano ma che mantengono perfettamente lo spirito dell'originale.

La protagonista del fumetto è una ragazzina nerd, pigra e solitaria che esprime il segreto desiderio di noi tutti, adulti inclusi: fregarsene di tutto e di tutti e passare la giornata in pigiama a poltrire sul divano.

In realtà il volume è già uscito ma purtroppo lo scopro solo adesso e volevo comunque farvelo sapere perché queste strisce e la loro protagonista sono troppo divertenti per farsele scappare.

Questo libro è per quelli come noi: ci mostra come si buttano interi meravigliosi weekend su internet, quanto sia grande il tormento che si prova quando si tiene per mano un bel ragazzo per strada, come si possa desiderare per tutto il giorno di tornarsene a casa anche solo per infilare il pigiama, ci interroga su quale sia il momento preciso della vita in cui finalmente si diventa grandi. In altre parole, ci fa conoscere tutte le più assurde bestialità della vita dei giovani d'oggi.


CRESCERE, CHE PALLE! di Sarah Andersen
Becco Giallo, pp.128
€ 13.00 (cartaceo)

in libreria dal 29/02/2016

6 commenti:

  1. La adoro *_* Devo assolutamente comprarlo.

    RispondiElimina
  2. Non la conoscevo ma sono curiosa :) Da tempo mi voglio approcciare ai fumetti o alle graphic novel ma non saprei da dove iniziare, magari questo può essere un ottimo spunto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono nella tua stessa situazione. Per il momento la mia tattica è: "leggi ciò che offre la biblioteca", anche perché le graphic novel costano parecchio!! Fortunatamente abitando a Milano c'è davvero tanta scelta e ora che mi leggo tutte quelle disponibili nel circuito delle biblioteche avrò avuto il tempo per farmene un'idea precisa.

      Elimina
  3. La seguo su FB, è fantastica! Preferisco però la versione originale, già il titolo è molto diverso, letteralmente la traduzione avrebbe qualcosa come "l'età adulta è un'illusione"!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me il titolo ha fatto un po' storcere il naso... banalizza un fumetto che banale proprio non è!

      Elimina