mercoledì 16 marzo 2016

Mini-recensione: Povera gente

9646899
Povera gente
(Бедные люди)

di Fedor Dostoevskij
Formato: Ebook, 127 pagine
Editore: Scrivere, 2014
Genere: Racconto, narrativa varia
Data prima pubblicazione: 1846
Lettura n.: 11/2016
Preso da: Kobo Store
Periodo di lettura: 22-25 febbraio 2016
Ambientazione: Russia/San Pietroburgo

Voto: 8/10

"Mia impagabile Varvara Alexeevna! ieri sono stato felice, smisuratamente, inimmaginabilmente felice!" (incipit)

In questo romanzo di esordio del giovane Dostoevskij emerge immediatamente il talento che caratterizzerà tutte le sue opere successive: la capacità di trasferire su carta l'animo degli uomini attraverso i suoi personaggi. Il romanzo è scritto sotto forma di uno scambio epistolare tra i due protagonisti, una povera orfana malaticcia e sventurata e un suo lontano cugino, di estrazione umile e forse innamorato di lei (non uso i nomi perché non ho davanti il romanzo e non ricordo come si scrivono); i due vivono in un contesto di povertà e attraverso le loro lettere conosciamo da vicino le drammatiche storie di alcuni loro conoscenti. Ho trovato i personaggi estremamente realistici nei loro pregi e difetti e soprattutto mi hanno commosso alcuni episodi narrati nelle lettere. Anche il finale mi è piaciuto molto: triste ma allo stesso tempo con una lievissima speranza di miglioramento, almeno materiale.

♥ Questo libro fa per voi se... amate il buon vecchio Fedor e desiderate leggere tutta la sua produzione, l'esordio non può mancare...

1 commento:

  1. Mini recensione molto carina ^_^ prima o poi lo leggerò!

    RispondiElimina